15/10/2019
Alir
Skip Navigation Links
  

Area Riservata Alir
Skip Navigation Links


TooTech
Accentografico
Job Select
STORIA DELL'A.L.I.R. E ATTIVITA' SVOLTE >Scopi   >Attività   >Obiettivi  

L'A.L.I.R., Associazione per la Lotta contro l'Insufficienza Respiratoria, è una associazione che raccoglie tra i suoi soci pazienti affetti da Insufficienza Respiratoria, i loro familiari, medici, paramedici, enti e società che operano nel campo delle patologie respiratorie e tutte le persone che si interessano alla Pneumologia per ragioni sanitarie,umanitarie e sociali.

Nata ad Adria nel 1984 ad opera di un gruppo di malati, dopo aver raccolto numerose adesioni e consensi nel Veneto, l'A.L.I.R. si è sviluppata in tutta Italia ed oggi conta, oltre ad alcune migliaia di associati, una cinquantina di Delegazioni Locali che coprono l'intero territorio nazionale.

SCOPI
Gli scopi statutari si propongono di trovare la soluzione dei problemi medici e sociali inerenti le Broncopneumopatie Croniche. Tra i fini associativi sono da segnalare:
  1. La prevenzione delle malattie respiratorie attraverso la diagnosi precoce nelle scuole e nei luoghi di lavoro grazie alpotenziamento dei laboratori e degli ambulatori specialistici;
  2. Il riconoscimento delle Broncopneumopatie croniche come malattie sociali;
  3. L'organizzazione di campagne antifumo;
  4. La diffusione omogenea nel territorio di centri pneumologici, con particolare riguardo alle Unità Terapeutiche Intensive Respiratorie (ATIR);
  5. Lo sviluppo ed il potenziamento dei programmi di monitoraggio, assistenza ed ospedalizzazione domiciliare a favore dei pazientiaffetti da Insufficienza Respiratoria Cronica;
  6. Favorire la ricerca scientifica medica sulle Patologie Polmonari attraverso Conferenze e Convegni a livello locale, nazionale ed internazionale.
ATTIVITÀ

Tra le numerose attività che l'A.L.I.R. ha svolto in oltre un ventennio sono da ricordare:

  1. La realizzazione di numerose campagne antifumo;
  2. L'organizzazione di corsi di formazione per volontari, medici e paramedici orientati verso l'assistenza domiciliare dei pazienti;
  3. L'istituzione di borse di studio per perfezionamento di medici specialisti;
  4. La collaborazione con le Regioni e l'A.I.P.O. (Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri) per la diffusione delle tecniche terapeutiche più avanzate nel campo della ossigeno e della ventiloterapia domiciliari, lo studio dei criteri di prescrizione e dei programmi di assistenza domiciliare;
  5. L'acquisto e la gestione sul territorio di apparecchiature sanitarie e di monitoraggio;
  6. L'organizzazione di soggiorni climatici in ambiente protetto, grazie alla presenza di medici specalisti ed infermieri volontari, dei quali hanno beneficiato centinaia di malati;
  7. La pubblicazione di un notiziario trimestrale di educazione sanitaria, AlirNotizie, aperto ai suggerimenti ed alla collaborazione di tutte le persone interessate ai problemi dell'Insufficienza Respiratoria;
  8. La predisposizione e la diffusione di principi e criteri di qualità e sicurezza dei programmi di assistenza respiratoria domiciliare;
  9. La predisposizione e l'utilizzo di questionari per accertare la qualità della terapia, come percepita dal paziente.
OBIETTIVI
Tra gli obiettivi da perseguire a medio termine, l'Associazione per la Lotta contro l'Insufficienza Respiratoria da notevole importanza a:
  1. sviluppare un programma di Ospedalizzazione Domiciliare Pneumologica di livello nazionale;
  2. operare una revisione del nomenclatore tariffario di pertinenza pneumologica;
  3. segnalare criteri prescrittivi delle fonti di ossigeno;
  4. uniformare le procedure e le prestazioni ai pazienti su tutto il territorio nazionale;
  5. diffondere e sollecitare l'utilizzo delle linee guida per l'Assistenza Domiciliare Respiratoria di cui al precedente punto8;
  6. collaborare con le autorità sanitarie sia in fase di programmazione che in fase di verifica della qualità percepita.
Certamente questo è un programma ambizioso che prevede un notevole dispendio di energie, ma nel 1984, i pochi pazienti che hanno tenuto l'A.L.I.R. a battesimo avrebbero potuto prevedere un tale sviluppo per la loro creatura?